Post altamente polemico, ma anche robba buona alla fine!

Ho avuto questo Facebook post bloccato nelle dita dall'ultimo fine settimana, ma più cercavo di sintetizzarne il messaggio in poche righe, per farlo essere facebook-friendly, più continuavo ad aggiungere concetti su concetti, e così ho deciso di farlo diventare un legittimo post del blog.

Sono successe un paio di cose ultimamente che mi hanno scosso: il Regno Unito ha deciso di lasciare l'Unione europea, i conservatori hanno vinto di nuovo in Spagna, e poi alcuni terroristi religiosi si sono fatti esplodere qua e là, come spesso accade di recente. Ora, i miei lettori sicuramente sanno che nel parlamento starei seduta così a sinistra che probabilmente finirei fuori dalla porta. Potete essere piu' o meno d'accordo con me, ma immagino che pensiate che questo non è un problema, e lottereste per lasciarmi esprimere la mia opinione ecc. ecc. perche' ogni opinione è legittima. Ma il mio problema è che non credo che le opinioni di chi siede all'altra estremità del parlamento siano davvero legittime. Potremmo discutere secoli sulle questioni specifiche di ogni partito, sui loro problemi concreti, sulle persone che sono state scelte che mi possono piacere o non piacere (e tendenzialmente non mi piacciono), ma parlando delle idee che stanno dietro, vedo solo due modi di intendere la società: quelli che possono stare bene solo se anche gli altri hanno cibo, un tetto, diritti e possibilità, e quelli che guardano solo al comfort di se stessi, o al massimo del gruppo religioso/etnico a cui sentono di appartenere. Quest'ultimi di solito si nascondono dietro l'idea che i ricchi sono ricchi perché hanno lavorato duro per diventare tali, e coloro che non sono ricchi non sono abbastanza volenterosi per sfuggire dalla loro condizione e pertanto si meritano quello che hanno, senza rendersi conto che questa non è una gara, ma se fosse una gara, sarebbe una in cui alcuni partecipanti iniziano chilometri dietro il resto.

Beh, questo non mi sembra una questione tipo "A me piacciono le pere, a te le mele, entrambe le opinioni sono legittime, mangiamo pere oggi e mele domani". Questo è più tipo io ho ragione e se non sei d'accordo con me tu sei uno stronzo. Io cerco di fare del mio meglio per trovare opinioni ragionevoli sul lato opposto: per esempio mi astengo faticosamente dall'eliminare alcuni contatti di Facebook che postano solo merdosi post razzisti, solo per non leggere sul mio wall solo persone che la pensano come me, ma poi tanto leggo le loro stronzate e penso che sono stupidi. Quindi insomma questo è il mio punto: tutte le persone che rispetto sono di sinistra. Questo mi fa di me una persona intollerante?

Guardate che io non sto dicendo che non mi piace il dibattito, in realtà mi piace un sacco. Ho spesso cambiato idea dopo uno scambio di opinioni su molte cose concrete, anche importanti, ma sempre con persone che sono dalla mia parte per "the big picture".

Un problema correlato è che amo leggere pareri su Facebook, giornali, parlare con la gente, ma per il problema numero uno (tutte le persone intelligenti che conosco sono di sinistra) questo mi da un'idea distorta del mondo in cui vivo. E poi arriva un'elezione, un coglione ispirato a questa o a quell'altra religione o un paese di ricchi invasori che vuole uscire della UE per fermare l'immigrazione e resto senza parole, pensando: se il tuo cervello funziona, come si possono pensare queste cose? Eppure pare che siate la maggioranza.

I miei amici spagnoli mi hanno veramente ingannato questa volta, mi hanno convinto che in Spagna, a differenza dell'Italia, la gente non si vergogna di votare a sinistra. Ma risulta che si. Votare un partito corrotto alla fine non e' tanto male se serve a prevenire che i brutti comunisti raggiungano il potere: ben fatto, Spagna.

Non vedo l'ora di incontrare un separatista/ultrareligioso/conservatore che possa piacermi. Nel frattempo, se hai paura della parola sinistra, se lotti per condividere diritti e benessere tra sempre meno persone giustificandolo con argomenti religiosi o patriottici, puoi tranquillamente andartene a fanculo perché stai facendo del mondo un brutto posto.

Tutto questo può essere affrontato solo mentre si mangia qualcosa di veramente buono, e questo è il legame con questa ecceziunale tartare di tonno. Oppure un'altra spiegazione plausibile è che voglio solo indurre le persone a leggere 'sta pesantata di post con una bella foto ... ;)

TARTARE DI TONNO ROSSO

350 gr di tonno rosso

1 arancia

olio EVO

erba cipollina

un po' di pinoli

Pepe macinato

Tagliare il tonno a cubetti. Aggiungere il succo di un'arancia, un po' di olio EVO, i pinoli precedentemente saltati in una padella, erba cipollina tritata, sale e pepe macinato. Coprire, poi lasciate riposare in frigo per almeno 15 minuti. Decorare con scorza d'arancia e altri pinoli tostati.

#italiano

MIWAKO'S
TOP THREE

#1 

 

Próximamente habrá aquí nuevas entradas
Sigue en contacto...
#2 

 

Próximamente habrá aquí nuevas entradas
Sigue en contacto...
#3

 

Próximamente habrá aquí nuevas entradas
Sigue en contacto...

© 2023 by Salt & Pepper. Proudly created with Wix.com